5 (s)punti per valutare un ecommerce vincente!

13/08/2014 11:48:17
Come sempre sono in ritardo, è che, quando devo partire per andare da un cliente, succede sempre un'imprevisto: una telefonata che va per le lunghe o qualche cosa che deve essere assolutamente completata prima di andare. E se parto per tempo … allora trovo un incidente per strada.  Gabriella, che è account del cliente a cui dobbiamo fare visita, si è stufata di aspettarmi ed partita, ci troveremo là. Va beh, recupererò strada facendo, sempre che non mi perda. Destinazione Bentivoglio Bologna: Energy Group. Cosa dite? Nessuno si perde a Bentivoglio? Beh, io sì. Cosa dite? Esistono i navigatori GPS? … beh, il mio navigatore certe volte la strada la chiede a me ...

Arrivato a destinazione mi unisco quindi a Gabriella e Cinzia, uno dei titolari di Energy Group, per fare il punto sullo stato di salute della nostra ultima creatura, una piattaforma di commercio elettronico per la vendita di stampanti 3D: www.stampa3dshop.it. Il sito vende stampanti 3D e materiale di consumo a marca Makerbot, di cui Energy Group è rivenditore in Italia.  L'ecommerce ha solo qualche mese, ma i primi sono mesi importanti, deve crescere bene.
Ma come capire se il “piccolo” gode di buona salute? Vi propongo 5 (s)punti di riflessione, semplici semplici, che abbiamo valutato. Se poi voi avete altri buoni consigli o brillanti osservazioni … sappiate che noi non siamo permalosi. Per maggiore chiarezza vi preciso che il sistema web di Energy Group è composto dal sito istituzionale, da un blog verticale che tratta di argomenti relativi alle stampanti 3D e dal sito di commercio elettronico, quest’ultimo principale oggetto delle nostre riflessioni.

Ecco gli spunti:
  1. VALUTIAMO LE TENDENZE
    Poiché www.stampa3dshop.it ha solo 4 mesi di vita è per noi più importante valutare le tendenze che i numeri assoluti, prima tra queste la curva di crescita degli accessi al sito. Cosa diversa se avessimo a disposizione grossi budget pubblicitari da poter sfruttare, nel qual caso il volume degli accessi sarebbe immediatamente importante. Nel nostro caso, invece, è necessario trovare un giusto bilanciamento tra pubblicità a pagamento (SEM) e pubblicizzazione naturale del sito (SEO). La prima deve fare da volano alla seconda. E’ importante inoltre valutare la tendenza degli acquisti on line. In questo caso il prezzo base del prodotto (diverse centinaia di euro) sembrerebbe scoraggiare l'utilizzo della carta di credito e, in generale, l'acquisto in rete. Tuttavia da subito abbiamo avuto transazioni. Oggi il mondo dell’ecommerce sta cambiando rapidamente: se il sito comunica fiducia, si riescono a produrre transazioni anche di migliaia di euro. E’ questo il caso. In crescita, mese su mese, sono anche le richieste di informazioni dal sito. Bene allora!

  2. ANALIZZIAMO LE FONTI DI TRAFFICO
    Gli strumenti di Web Analytics ci permettono di fare qualche considerazione sulle fonti di traffico. Riflettere su chi porta cosa e con quale qualità è molto importante. Attraverso Google Analytics, ad esempio, è possibile tracciare dei percorsi degli utenti e capire se l’accesso proveniente da un determinato sito ha prodotto una conversione. In particolare notiamo che il sito della casa madre Makerbot genera numerosi accessi al sito istituzionale di Energy Group, ma pochi di questi transitano sul sito di commercio elettronico. Notiamo inoltre che le inserzioni su Google Shop (SEM) sono ora potenzialmente più efficaci di quelle sul circuito Google Adwords (SEM) generico, che abbiamo spinto inizialmente per dare maggiore visibilità al marchio e al sito di ecommerce nel suo complesso, insisteremo sulle prime.

  3. METTIAMOCI NEI PANNI DELL'ACQUIRENTE: LA USER EXPERIENCE
    Ripercorriamo allora le possibili navigazioni dell’utente che proviene dal sito di Makerbot Italia e cerchiamo di rendere più esplicito ed evidente il percorso che porta verso l’acquisto sul sito www.stampa3dshop.it , anche se non vogliamo sacrificare troppo la visibilità del sito istituzionale di Energy Group, che conferisce credibilità al giovanissimo ecommerce. Valuteremo a breve se questo tuning può produrre maggiori conversioni.

  4. MONITORIAMO LE CONVERSAZIONI
    Il monitoraggio delle conversazioni che abbiamo attivato sul mondo delle stampanti 3d ci fa scoprire alcuni siti e blog molto interessanti e seguiti: interessare blogger di settore ai nostri prodotti e alla nostra attività è sempre molto proficuo. In particolare abbiamo individuato un professionista che sembra particolarmente interessante e che proveremo a coinvolgere per uno scambio di post.

  5. METTIAMO A SISTEMA TUTTA LA COMUNICAZIONE INTERNET
    Oltre alle azioni specifiche sul sito di ecommerce, abbiamo cercato di attivare anche sinergie con le altre tipologie di comunicazione digitale di Energy Group, in particolare il sito istituzionale del quale abbiamo già accennato, ma anche un blog sulle stampanti 3D, che deve funzionare come supporto SEO anche per il sito di commercio elettronico, che per struttura e funzionalità non può offrire la stessa flessibilità e efficacia nella gestione dei contenuti che può offrire un blog. Ricordiamoci che oggi  la quantità e la qualità dei contenuti sono ingredienti molto importanti per il buon posizionamento. Anche in questo caso cerchiamo di focalizzarci sull’inserimento di link dall’uno all’altro sito ogni volta che questo è possibile.
Bene, sembra che il nostro piccolo stia crescendo bene, anche se ha ancora bisogno di molte cure e attenzione. Salutiamo Cinzia, ringraziandola per la fiducia che Energy Group ci riserva da davvero tanti anni. Guardo l’orologio e come sempre sono in ritardo. Accidenti, devo essere a Ravenna per le sette, non ce la farò mai … è sempre così, ogni volta che devo partire per andare a casa succede sempre qualche cosa tipo una riunione che va lunga o il serbatoio che è quasi vuoto e devo fare rifornimento … Oppure mi fermo a scambiare impressioni sull’incontro con Gabriella. A proposito dov’è Gabriella? Credo sia già andata: lei, al suo aperitivo a Bologna, riesce sempre ad essere puntuale! 
In questo articolo abbiamo parlato di:

Condividi l'articolo, alimenta la discussione!

Informazioni sull'autore: Mirko

Responsabile Area Digital Marketing - Segui @elogicweb su Twitter

Attualmente Mirko è così impegnato, che non è riuscito a fornire una descrizione per se stesso... Ma recupererà!
comments powered by Disqus
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie.   Maggiori informazioni